ISCRIZIONI RISPETTIVI ALBI. ISTRUZIONI PER L’USO E (VERA) DECORRENZA

0
4067

La procedura di iscrizione è ampiamente spiegata al seguente link:
https://iscrizioni.alboweb.net/

Sono esentati dalla procedura i tecnici di radiologia e gli assistenti sanitari.

L’obbligo di iscrizione decorre dal 1° luglio 2018. Alcuni sindacati hanno diffuso comunicazioni con date diverse, ma il Ministero della Salute ha chiarito (ved. allegato).

In una prima fase, la gestione del processo di iscrizione è curata dai Rappresentanti delle Associazioni maggiormente rappresentative a cui spetta valutare i titoli di studio degli iscritti. Successivamente sarà il Consiglio Direttivo dell’Ordine a concludere l’iscrizione. Dal momento del primo invio dei giusti documenti al portale, la legge prescrive il rilascio del certificato entro i successivi 150 gg. Tuttavia, è possibile scaricare un modulo che attesta sin da subito la presa in carico della pratica.

Per informazioni, contattateci su info@tsrmfoggia.org o al 3441352237. Se invece riscontrate delle difficoltà, chiedete lumi a helpdeskiscrizioni@tsrm.org indicando nell’oggetto il vostro codice fiscale.

Ad oggi, sono circa 600 i professionisti iscritti. Circa 1/5 del potenziale provinciale. Tutte le amministrazioni pubbliche e gli studi privati sono state informati dell’obbligo. Si ricorda infatti che la mancata iscrizione costituisce abuso di professione, una violazione di carattere penale, poiché l’art. 12 della Legge n. 3/2018 ha modificato l’art. 348 del Codice penale.

Dispiace constatare come siano in ritardo i datori di lavoro circa tale obbligo: tranne l’IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza, le aziende sanitarie locali dormono sogni tranquilli. Personalmente, non ho nessun interesse ad accelerare le iscrizioni. Più volte ho manifestato la mia contrarietà a tutto il sistema che ha portato all’Ordine multialbo. Però la legge è legge, non si capisce quindi l’indifferenza di Regione Puglia, ASL Foggia e Ospedali Riuniti.

Il Presidente Ordine TSRM PSTRP Foggia
Antonio Alemanno

Allegato: NOTA MINISTERO SALUTE

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome