Prove concorsuali. L’attivismo dei partecipanti e il ruolo dell’Ordine.

0
1044

A Foggia si sta assistendo ad un’interessante forma di attivismo da parte dei partecipanti ai concorsi per le professioni sanitarie. Si tratta di una sorta di “tolleranza zero” verso ogni minimo sospetto di imparzialità della Pubblica Amministrazione.

Ad essere chiamato in causa (anche in forma anonima, attraverso la nostra App) è questo Ordine provinciale.
A tal proposito, una recente sentenza TAR ha confermato che l’Ordine dei TSRM-PSTRP della Provincia di Foggia è portatore di interessi collettivi in quanto si prefigge lo scopo di garantire la maggior tutela possibile in favore di tutti i propri iscritti, presso ogni sede opportuna, civile, penale e/o amministrativa.

Si spera che tanta solerzia da parte dei candidati si mantenga tale e quale anche da lavoratori. Ma veniamo ai dettagli delle recenti vicende foggiane.

Diverse richieste di accessi agli atti ex legge 241/90 ci risultano inviate verso gli Ospedali Riuniti in occasione della prova orale del recente concorso per TSRM.
Contro l’ASL Foggia abbiamo impugnato al TAR un avviso pubblico per il conferimento di incarichi di Tecnologo in Scienze e Tecnologie Alimentari a supporto del progetto “Attivamente Sani: la scuola progetta e promuove salute”, che invece escludeva i Dietisti.
Ed infine, sempre contro l’ASL Foggia, sono pervenute segnalazioni anonime su gravi carenze organizzative in occasione della prova scritta di un altro concorso per TSRM. Esse sono state poste al vaglio delle Autorità competenti da parte di questo Ente.

La procedura in atto presso il nostro Ordine prevede infatti il coinvolgimento dello staff legale per appurare eventuali violazioni di interessi diffusi e collettivi, a garanzia della maggior tutela possibile degli iscritti. Si è proceduto così in tante altre occasioni, senza sconti per nessuno.
A differenza di quando eravamo Collegi, le risorse economiche degli ordini oggi sono ingenti. Pertanto, procedere ogni qualvolta sia possibile, rappresenta uno dei (pochi) vantaggi della stessa Legge n.3/2018.
Si ricorda infine che questo Consiglio direttivo ha da sempre sostenuto le iniziative della rete nazionale per l’integrità – ILLUMINIAMOLASALUTE, i cui rappresentanti saranno presenti anche al I Congresso Nazionale Federazione Ordini TSRM PSTRP 11-13 ottobre 2019. Per cui, coloro che sentono di essere dei “professionisti attivi” possono chiedere al proprio ordine di collaborare con tale rete.
Concludiamo con un consiglio: spesso le azioni dell’ordine sono vanificate dai ritardi nella segnalazione dei fatti poi oggetto di ricorsi, esposti e iniziative a carico dell’Ordine. Si spera che con le Commissioni d’Albo ci sia più informazione al singolo iscritto e più vigilanza sul territorio provinciale.

Il Presidente Ordine TSRM PSTRP Foggia
Antonio Alemanno

 

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome