Fondi comunitari e Programmazione socio-sanitaria. Cercasi under 30.

0
927

Gli ultimi due incontri del Corso per le Commissioni d’Albo saranno tenuti dai docenti di Economia sanitaria dell’Università di Foggia, Dott. Gianluigi De Pascale e Dott.ssa Fiorella Pia Salvatore.

L’impiego dei fondi comunitari attraverso i professionisti sanitari assume un valore strategico, soprattutto per i giovani che intendono intraprendere il lavoro autonomo. Pertanto, è necessario che gli Ordini TSRM PSTRP diano effettiva e corretta attuazione alla norma sancita dall’art. 41, Legge 24 dicembre 2016, n. 234, che equipara i liberi professionisti alle PMI per ciò che attiene l’accesso agli incentivi finalizzati alla creazione, al sostegno e allo sviluppo del lavoro e dell’attività d’impresa.

“Nella Programmazione socio-sanitaria rientra l’obiettivo di garantire la salute e la sicurezza nei luoghi di vita e di lavoro, rendere fruibili a tutti percorsi di cura appropriati, integrare le fasce della popolazione a rischio di emarginazione sociale e economica, operare a fianco della Pubblica Amministrazione affinché i servizi al cittadino siano facilmente fruibili, accessibili ed efficaci.
Ad esempio, è noto a tutti che la popolazione anziana, è in aumento e la richiesta di tutela e cura della salute è sempre maggiore. Le professioni possono implementare e integrare, anche grazie all’odierna innovazione tecnologica dei processi di cura e assistenza, il sistema socio-sanitario rendendolo sostenibile e aumentando gli standard qualitativi già elevati del Paese.
La salute non è solo cura, ma prevenzione. Avere cura dell’ambiente, delle persone e delle comunità è fondamentale per il prossimo futuro europeo al fine di garantire coesione sociale e di sviluppo economico. Le ricerche degli ultimi anni mostrano che i territori dove si è investito in maniera adeguata nei sistemi di protezione sociale e di salute hanno retto meglio la crisi economica e hanno ripreso prima a crescere.
Un Paese moderno, quale l’Italia certamente è, si misura non solo attraverso la rete di servizi nei quali i diritti sociali e individuali si dispiegano, ma anche nella capacità di progettare servizi e interventi che migliorino l’ambiente nel quale gli individui vivono”.
Tratto da: Professionisti-Risorsa-per-Europa-16-maggio-2019
Video su Youtube: da 2:50:20 a 3:00:30 

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome