Questionario (serio). Indagine tra i professionisti sulle opportunità e criticità del Maxi-Ordine.

2
1345

Agli Iscritti all’Ordine TSRM PSTRP Foggia

La parola d’ordine sin dalla prima Assemblea provinciale è stata partecipazione. Ora è il momento di dimostrarlo con la consapevolezza di essere professionisti (“professioni intellettuali”, nello specifico).

Per email vi è stato inviato un Questionario elaborato dal Gruppo multiprofessionale. I temi su cui chiediamo il Vostro parere sono tanti. Molti più di quanto ogni singola professione potrebbe immaginare per via della sua storia e profilo specifico.

L’impegno di questo Consiglio direttivo è dare vita a quanto emergerà dai risultati. Per questo, ogni contributo personale è importante. Grazie.

Temi principali:
-Ordine
Difficoltà del mondo delle Professioni
-Liberi professionisti
-Aspetti economici
-Politica professionale
-Competitività sul mercato del lavoro
-Qualità del lavoro
-Donna lavoratrice

MODULO ONLINE QUESTIONARIO ORDINE TSRM PSTRP FOGGIA

2 Commenti

  1. Buongiorno,
    sono Tommaso Dimunno (Tecnico di Laboratorio Biomedico) e sono orgoglioso di far parte di questo tanto auspicato Ordine, che finalmente riconosce l’importanza delle nostre professioni sanitarie.
    Ciò premesso chiedo ausilio per sapere chi ha il compito di vigilare sulla qualità della nostra vita professionale.
    Distinti saluti.

    • Gent.mo Dott. Dimunno,
      il concetto di “qualità di vita professionale” è molto ampio. Tuttavia, ognuno può fare qualcosa per migliorarne un aspetto specifico.
      La Politica ha una responsabilità generale, soprattutto dopo oltre dieci anni di blocco contrattuale. I Sindacati dovrebbero far rispettare i CCNL. L’Ordine deve garantire la salute dei cittadini attraverso la qualificazione dei professionisti.

      Per “qualificazione dei professionisti” si intende, come minimo, il poter svolgere quanto previsto nel Profilo professionale. Dopo 25 anni dai Decreti Ministeriali (nel suo caso, DM 745/94) spesso questo non è ancora realizzato. Su questo aspetto, l’Ordine è pronto a vigilare.

Rispondi a Tommaso Dimunno Cancella la risposta

Il tuo commento
Il tuo nome